Il blog di Viola Venturelli

Racconto storie. Parlo di Startup e Lavoro. Giornalismo e Marketing. Cibo e ambiente.E di ciò che mi passa per la testa.

Wikileaks chiede asilo alla Svizzera


 (Credits img: Guardian.co.uk)
Il fondatore di Wikileaks Julien Assange potrebbe chiedere asilo politico alla Svizzera dopo che la Svezia ha rigettato la sua domanda. Lo ha dichiarato in un’intervista apparsa ieri alla televisione svizzera TSR e ripresa dal sito web. “E’ una possibilità che stiamo prendendo seriamente in considerazione” – ha dichiarato – “la Svizzera è uno dei pochi paesi in cui Wikileaks potrebbe essere al sicuro”.

http://www.tsr.ch/v/embed/B9VP

Assange ha aggiunto che il 70% delle spese della sua fondazione viene investito per garantire la sicurezza dei suoi giornalisti. Da quando sono stati pubblicati i circa 500.000 documenti segreti principalmente sulla guerra in Afghanistan e sulle torture ad opera dei militari americani in Iraq, la sua squadra viene costantemente minacciata. “Un reporter occidentale dovrebbe sentirsi sicuro di lavorare nei paesi occidentali” – ha detto, aggiungendo che i suoi giornalisti potrebbero lavorare in piena sicurezza solo in tre Paesi: l’Islanda, Cuba e la Svizzera.

L’australiano, che ha scosso il mondo con la pubblicazione di documenti ritenuti segretissimi e inviolabili, nel corso di una conferenza stampa gremita di giornalisti a Ginevra ha accusato pesantemente gli USA di non voler indagare sugli abusi e le torture in Iraq e Afghanistan rivelate dal suo sito. “Se l’America vuole essere credibile nella sua difesa dei diritti dell’uomo, dovrebbe aprire più di una inchiesta su queste presunte violazioni, invece le autorità americane minacciano pubblicamente la mia organizzazione e cercano di distruggerla”. A differenza degli Stati Uniti – ha aggiunto Assange, che ha dalla sua le organizzazioni internazionali per la difesa dei diritti dell’uomo come Human Rights Watch et Amnesty International – la Gran Bretagna e la Danimarca hanno deciso di aprire un’inchiesta.

Intervistato dalla rete svizzera, Julien Assange ha svelato di avere ancora circa 15.000 documenti da pubblicare sull’Afghanistan, oltre ad “alcune informazioni sulla Russia e su altri paesi europei“.

Viola Venturelli

Informazioni su violaventurelli

Giornalista professionista e pr, si occupa di media, attualità, politica.

Un commento su “Wikileaks chiede asilo alla Svizzera

  1. Nessuno
    12/11/2010

    Assange sarà il Salman Rashdie del web

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/11/2010 da in Notizie con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: