ufficio-brevetti-ministero-sviluppo-economico-bando-agevolazioni-marchi-brevetti

Il Ministero dello Sviluppo Economico concede 4,5 milioni di euro a favore delle Piccole e medie imprese che decideranno di registrare il proprio marchio a livello comunitario e internazionale.

L’importo dell’agevolazione può variare dai 4.000 ai 6.000€ (ecco il quadro degli importi) per ciascuna domanda di marchio depositata e a copertura dell’80% o del 90% delle spese ammissibili sostenute in funzione dei Paesi designati per la registrazione. Ciascuna impresa può chiedere più di una agevolazione per sostenere le spese di registrazione dei propri brevetti internazionali (A) e/o comunitari (B) fino al raggiungimento del valore complessivo di € 15.000.

Per partecipare dovete fare o avere già fatto domanda di registrazione del marchio – e pagato la tassa di deposito all’Uami, Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno – tra il 7 maggio (giorno della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale) e il 4 settembre 2012; a partire da quel giorno dovrete compilare il form online su www.unioncamere.gov.it e subito dopo inviare la vostra domanda di agevolazione corredata di progetti, fatture, autocertificazioni tutte spiegate ed elencate nel documento di cui vi abbiamo fornito il link. È fondamentale che usiate questi mesi per preparare bene il vostro progetto e corredare la domanda di tutti i documenti necessari, poiché avete dieci giorni di tempo (cinque per spedire e cinque perché lo ricevano) per rendere valida la vostra richiesta. Il bando integrale è qui.

Le agevolazioni sostengono il percorso a 360° dell’impresa, includendo le spese di progettazione (ideazione e grafica) del nuovo marchio e le ricerche di anteriorità e di assistenza per il deposito; l’assistenza per l’acquisizione o la registrazione di marchi già esistenti, e le consulenze per la concessione post domanda e le tasse di deposito.

I finanziamenti verranno evasi secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande e sino ad esaurimento dei fondi: è fondamentale quindi agire con tempismo e organizzazione per cogliere l’opportunità offerta dalla Direzione generale per la lotta alla contraffazione-Ufficio italiano brevetti e marchi e da Unioncamere che tutela anche all’estero i prodotti delle Pmi italiane.

Trovate tutta la documentazione che vi serve oltre a quella che ho già segnalato sul sito del Ministero per lo sviluppo economico; l’email per chiedere informazioni è infoimprese@progetto-tpi.it.

Questa presentazione richiede JavaScript.