Il blog di Viola Venturelli

Racconto storie. Parlo di Startup e Lavoro. Giornalismo e Marketing. Cibo e ambiente.E di ciò che mi passa per la testa.

Educare un figlio alle emozioni e ai rapporti sociali

Come educare i bambini alle relazioni?

Lettera aperta di una mamma alle prime armi.

Sono mamma di Gaia, splendida bimba di 16 mesi, e ogni giorno da lei imparo qualcosa su come esserlo. Ora che i bisogni di mia figlia si stanno moltiplicando e diversificando, ora che quelli per garantirle la sopravvivenza diventano routine e lasciano spazio ad àmbiti più profondi come l’educazione alla disciplina, alle relazioni sociali, alle emozioni, mi trovo spaesata e confusa.

Spaesata perché guardo mia figlia provare emozioni, interagire con i suoi pari, comunicarmi i suoi desideri e a volte non so come reagire ad un suo “capriccio”, come “educarla emotivamente” ad un comportamento prepotente da parte di un compagno o di un’amichetta, a gestire le sue emozioni e frustrazioni…

Confusa perché oggi la pedagogia mette in discussione il modello educativo dei nostri genitori, quello più facile da seguire che già conosciamo, e ci porta a fare scelte genitoriali diverse, ma diverse in un senso per me “confuso”, poiché sono tante le teorie che in questi due anni ho letto nei molti libri di puericultura comprati o presi a prestito in biblioteca e non so quale seguire, quale fare mia.

Così mi sento insicura e passo questa mia confusione a mia figlia, comportandomi in modo non coerente, oppure assistendo silenziosa alla sua interazione con gli altri bimbi senza essere capace di darle gli strumenti per difendersi o gestire dei conflitti.

Faccio un esempio pratico. Un pomeriggio ci siamo trovate a giocare con una bimba coetanea di Gaia. Ognuna delle bimbe aveva dei giochi suoi, messi a terra insieme. Quando Gaia toccava un suo gioco, l’altra bimba non solo glielo toglieva di mano, ma lo dava alla madre affinché nessuna delle due potesse giocarci! E poi faceva lo stesso con i giochi di Gaia. Glieli toglieva dalle mani e li usava lei.
Io mi sono confrontata con una bravissima ostetrica che mi ha sempre detto che i genitori non dovrebbero intervenire nel gioco dei bambini, perché mettono regole da adulti e invece bisogna lasciare i bambini gestire da soli le situazioni. Qui però ci troviamo di fronte a due cose: spesso l’altro genitore invece interviene (direi quasi sempre), e lo fa magari distraendo il figlio dal gioco conteso (quindi senza dare la possibilità ad entrambi i bambini di trovare una soluzione a quel conflitto), o portando via il proprio figlio (prendendolo in braccio), o peggio ancora dicendo “ma quello è un gioco di Gaia, usa i tuoi”, quindi ribadendo (a mio avviso) il possesso e l’egoismo.

Questo episodio è successo due settimane fa e da allora mi sono interrogata se fosse stato o meno il caso di intervenire e aiutare le bimbe a gestire il conflitto. Ho deciso che la prossima volta che si presenterà una situazione simile interverrò dicendo ai bimbi presenti, e ai loro genitori, che quando si gioca insieme in quel momento i giochi diventano di tutti, e quindi chi ce l’ha in quel momento ha diritto di usarlo e non bisogna portarglielo via, e poi lo condividerà, e soprattutto dirò che giocare insieme è molto più divertente che sottrarre i giochi affinché l’altro non possa giocare e, di fatto, nessuno dei due possa divertirsi.

E’ un approccio giusto? È così che si diventa allenatori emotivi? E soprattutto come ci si relaziona con genitori che reagiscono in modo completamente diverso dal mio? Sono davvero confusa, e combatto tra il lasciare da sola mia figlia a gestire i conflitti  – e la paura che questo la lasci nell’insicurezza perchè è ancora troppo piccola per trovare le risorse dentro di sé –  e aiutarla con degli strumenti a instaurare relazioni equilibrate che non la penalizzino.

Informazioni su violaventurelli

Giornalista professionista, PR & Communication manager, blogger.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 25/11/2019 da in Avere un figlio, Notizie.

Navigazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: